Dall’Austria un segnale chiaro: quando la destra esiste ed è seria, vince!

Un’informazione di servizio innanzitutto. Stasera non cercate su La 7 la consueta diretta che mentino mitraglia Enrico Mentana dedica ad ogni evento ed elezione politica possibile ed immaginabile, anche alle riunioni di condominio di Renzi, grillini e sinistra cantante. Questa sera il giornalista in-dipendente, guarda caso, “stranamente” non dedica nessuno speciale alle elezioni austriache.

Le notizie relative agli exit poll sono, per lui, non certo per me, catastrofici, con il trionfo dei popolari del giovanissimo Sebastian Kurz (Oevp) accreditati del 31,6% e al terzo posto l’estrema destra (Fpoe) di Heinz Christian Strache col 25,9%. Quasi certo un governo a netta maggioranza di destra con l’alleanza tra Oevp e Fpoe. E preoccupante, per i sinistri e coloro che fanno business con i migranti invasori, la prospettiva di un asse Kurz – OrbanSzydło.

 

Questa prospettiva è bastata alle vestali della sinistra a far partire immediatamente segnali d’allarme per un risorgente pericolo fascista, ma che dico, nazista! La colonna sonora di questo momento drammatico, non poteva dunque essere che questa, che voglio rendervi mediante due brani musicali che propongo esclusivamente come documentazione storica, senza nessuna volontà apologetica o nostalgica del Ventennio e del disciolto PNF.

 

E per rassicurare ancor più l’iperciliuto ipersensibile Emanuele Fiano, autore non solo di una proposta di legge “urgente e indispensabile” che porta il suo nome, ma tra i firmatari del discusso e raffazzonato Rosatellum, ho scelto di proporre il celebre Horst Wessel Lied esclusivamente in una versione orchestrale, oppure, se preferite, per pianoforte. Pura documentazione di carattere musicale, nessuna apologia, anche perché sull’Olocausto io ho espresso una posizione chiara e incontrovertibile.

Quanto a Mentana, stia sereno: non sarà l’ultima elezione politica, da adesso in poi, a restargli indigesta ed impedirgli di fare dirette, non stop, maratone…

Attenzione!

Non dimenticatevi di leggere anche

Vino al vino http://www.vinoalvino.org/

Lemillebolleblog http://www.lemillebolleblog.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *